Dassault Systèmes: intervista a Chiara Bogo, Direttore Marketing EuroMed

Storia di Dassault Systèmes

Dassault systèmes nasce agli inizi degli anni 80, come pioniere tecnologico del design in 3D, poi del digital mock-up, per arrivare alle soluzioni di Product Lifecycle Management. Nel 2012  è stata lanciata la 3DEXPERIENCE Platform, un ambiente digitale, disponibile anche su cloud, che ottimizza le performance dei suoi applicativi e delle sue industry solution experience. Nel settore energy, oil & gas e trasporti si è investito molto in ricerca e sviluppo negli anni, arrivando a rendere disponibili soluzioni specifiche per il settore, compreso quelli di industria di processo, chimica e mineraria.
Al centro della tecnologia di Dassault Systèmes c’è il digital twin, il gemello digitale che è fondamentale non soltanto nella fase di progettazione di nuovi impianti, ma è oggi anche un potentissimo strumento per simulare la gestione degli stessi, agevolando l’operatività giornaliera del team che lavora sull’impianto, con un notevole impatto positivo anche su tempi e costi di gestione.

Un tema molto sentito è la sostenibilità ambientale

Aspetti collaterali ma non meno rilevanti per l’azienda sono i temi della sostenibilità e dell’impatto ambientale. La piattaforma 3DEXPERIENCE consente agli innovatori di assumere un ruolo centrale nello sviluppo di nuovi modelli di sostenibilità. La simulazione del funzionamento dell’impianto attraverso i gemelli digitali aiuta nell’operatività. E’ possibile, infatti, importare ed elaborare in tempo reale i dati acquisiti tramite le tecnologie IoT per intervenire e minimizzare eventuali danni ambientali; in ottica di gestione operativa, i dati consentono di prevenire eventuali problematiche o guasti e, di conseguenza, anche di aumentare la sicurezza per operatori.

La forza lavoro per Dassault Systèmes

The Workforce of the Future è un aspetto fondamentale per Dassault Systèmes, in una situazione in cui tutta l’industria è alle prese con il pensionamento di una parte della forza lavoro e con l’arrivo di una nuova generazione di addetti, più orientati e propensi all’uso della tecnologia. Per adattarsi a questo cambiamento, le aziende devono saper acquisire le best practice e la conoscenza maturate e accumulate nel corso di decenni, per trasmetterle ai nuovi lavoratori. A loro volta, questi ultimi, nonostante manchino dell’esperienza dei più anziani, si aspettano che il datore di lavoro fornisca loro i metodi e gli strumenti più moderni per lavorare. Le tecnologie basate sulla realtà virtuale e sulla realtà aumentata esercitano una forte attrattività nei confronti dei migliori neolaureati nelle discipline più avanzate e sono quindi indispensabili per avere una forza lavoro sempre all’avanguardia, a vantaggio dell’esecuzione e della sicurezza.

Un ultimo aspetto importante è che la piattaforma 3DEXPERIENCE abilita la collaborazione, cioè rende possibile la creazione di team virtuali di lavoro che, indipendentemente da dove si trovino i loro membri, riescono a collaborare a progetti, o a parti di progetti, creando un ecosistema in cui gli attori condividono le informazioni chiave e sono in grado di gestire e risolvere problemi in modo efficace, ottimizzando i costi.